Sul nostro divano blu – Musica per un giardino Notturno

Divano Blu
Facciamo finta che io torno a casa la sera
E tu ci sei ancora sul nostro divano blu
Facciamo finta che poi ci abbracciamo
E non ci lasciamo mai più

Questa volta lascio le parole, magnifiche, ad un immenso autore italiano che ho scoperto molto tardi grazie a Maria e anche a Diana che me lo ha fatto ascoltare a ripetizione.

In certi versi ho trovato descritto esattamente quello che tenevo e tengo nel mio cuore : non pensavo che fosse possibile dirlo a  parole.

Vi lascio all’ascolto di “Facciamo finta” e “Ecco”, non sento il bisogno di dire molto altro,  a parte il fatto che anche il nostro divano , quello su cui giocava Ester assieme alla sua “sorellona” era ed è blu : le coincidenze a volte  permettono alle parole ed emozioni di entrare ancora più nel profondo.

E riguardo ad “Ecco” …. “come il vecchio che un attimo prima di chiudere gli occhi sente di nuovo un vagito” …. io sento che quando mi addormenterò per sempre finalmente rivedrò Ester e potrò abbracciare tutta la mia famiglia, cosa che non mi è stata concessa  su questa Terra.  Lo sento come sentivo che Ester aveva qualcosa di strano quel sabato , qualcosa di brutto.  Allora lasciai che un cialtrone e la mia presunta razionalità addormentassero le mie sensazioni, non ripeterò questo errore.

Che poi questo rivedere Ester e l’abbraccio a tutta la famiglia sia un regalo del mio cervello prima di spegnersi o qualcosa che inizia dopo questa vita  … beh a questo non so e non oso rispondere …. e neanche mi interessa tentare di farlo.  Mi lascio cullare dai miei pensieri e dai miei amori.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.